Il Palazzo

Palazzo Nesca, grazie alla sua posizione strategica, soddisferà gli amanti dello sport, della cultura e della natura.

Il Palazzo sorge a Gagliano del Capo, nel Sud Salento, perla paesaggistica e scrigno di tesori della regione Puglia.

Al suo interno si possono ammirare le varie caratteristiche dell’architettura Salentina, in particolare le volte, come quelle “a botte”, “a crociera” e la più conosciuta “a stella”.

Le volte a stella in particolare popolano i borghi di questa terra soleggiata, dalle umili dimore fino ad arrivare a Chiese e Palazzi Signorili.
Dietro a questa edizione edile si celano regole di armonia, di misura, d’intreccio, di specializzazione e non di semplice ripetitività.

Soggiornando presso il Palazzo Nesca si possono ammirare queste “regole” che donano alle volte bellezza e staticità, decoro formale e durata… un’immagine che rimane intatta nel tempo e dona a chi le osserva la sensazione di trovarsi in un’ambientesontuoso… quasi sacro!

Non esiste il nome del primo inventore di tali volte; sono il frutto dell’esperienza collettiva, del popolo, degli artigiani, che con il passare del tempo hanno perfezionato la tecnica.

L’inizio costruzione di Palazzo Nesca risale a fine 1600, ed e’ proprio tra 1600-1700 che nel Salento si ebbe il boom delle volte a stella. Precedentemente le coperture anche delle casi nobili erano realizzate in tegolati o canneti, ma in seguito al terremoto disastroso del 1743 si decise di costruire stanze voltate, molto piu’ resistenti.

In oltre si ricorse alla copertura a volte anche per la carenza di legname e l’abbondanza di pietra calcarea, come la pietra leccese ed il carparo, la cui lavorazione risulta ancora in importante per l’economia locale. Rocce, tutto sommato morbide ma in grado di durare nel tempo, in quanto composte da sedimenti fossili, argilla e quarzo, solidificatisi milioni di anni fa.

Palazzo Nesca risale alla fine del 1600 ed è senz’altro uno dei primi edifici signorili di Gagliano del Capo, che accolse numerosi incontri importanti, poichè la dinastia dei Nesca si fuse con quella nobile albanese dei Castriota-Scanderbeg, alla quale appartenne il famoso Giorgio Castriota, condottiero e patriota (dai documenti ritrovati si sa che nel 1744, a Gagliano, Salvatora Castriota sposò don Michelangelo Nesca).

Soggiornare presso Palazzo Nesca vuol dire sentirsi testimoni della storia Salentina ed addormentarsi fissando volte magiche e centenarie.